Lethwei Brescia: Intervista a Dave Leduc

Lethwei Brescia: Intervista a Dave Leduc

Lethwei Brescia

Intervista a Dave Leduc

the King of Lethwei

Intervista a Dave Leduc dopo lo Stage di Lethwei a Brescia alla Palestra Popolare

Bad Literature Inc. ha rivolto qualche interessante domanda al Campione del Popolo.

Dopo un incredibile e partecipatissimo stage alla Palestra Popolare Antirazzista del campione del mondo di Lethwei Dave Leduc a cui hanno partecipato più di 50 atleti da diverse città italiane, abbiamo avuto il piacere e l’onore di rivolgere qualche domanda al King of Lethwei.

Grazie a Bad Literature Inc. per le ottime domande proposte e grazie a Dave per la passione, l’energia e la determinazione che ci ha regalato. Non tutti i giorni si ha la fortuna di incontrare dei campioni così umili e disponibili.
Dave Leduc il campione del popolo, cittadino del mondo e re del Lethwei.

lethwei brescia italia
palestra brescia

Palestra Popolare Antirazzista

 

la migliore Palestra a Brescia per Sport da Combattimento.

 

 

Competenza, professionalitá e umiltá. Se cerchi una Palestra a Brescia dove allenarti come un vero campione ti aspettiamo.

Quattrocento metri quadrati di spazio, un ring olimpionico sei metri per sei, sacchi ed attrezzature professionali, piú di duecento metri quadrati di tatami, istruttori preparati ed attenti, questa é la migliore Palestra a Brescia dove allenarsi in un clima amichevole e famigliare.

Impara a conoscere te stesso e i tuoi limiti, impegnati per superarli e scopri la differenza tra fiducia in te stesso ed ego.Ti aspettiamo in Palestra a Brescia per vedere con i tuoi occhi e provare senza impegno il corso che preferisci, oppure per parlare direttamente con gli istruttori.

Un campione non é altro che un sognatore che non ha mai mollato.

Respect No Ego

Articoli Recenti

11 Anni di Palestra Popolare

11 Anni di Palestra Popolare

Sabato 27 Aprile dalle 16:00 alla Palestra Popolare Antirazzista 11 anni sono passati da quell'aprile del 2013 quando sognavamo di avere uno spazio dove poterci allenare e condividere sport, cultura...

leggi tutto
Lethwei Brescia: Secondo Stage con Dave Leduc

Lethwei Brescia: Secondo Stage con Dave Leduc

Lethwei Brescia

Secondo Stage con Dave Leduc

The King of Lethwei

Sabato 9 Novembre 2019 alla Palestra Popolare Antirazzista  non perdetevi lo Stage di Lethwei con The King Of Lethwei Dave Leduc.

Cinque volte Campione del Mondo, attualmente imbattuto, nella disciplina più feroce e cruenta nel mondo degli sport da combattimento, il Lethwei , l’arte marziale tradizionale del Myanmar, senza guanti, senza punteggio, unico modo di vincere il KO, colpendo l’avversario con pugni, gomitate, calci, ginocchiate e testate.

Dave Leduc, canadese, primo Straniero a vincere il titolo mondiale di Lethwei è attualmente considerato uno dei più pericolosi fighter in circolazione.

Stage a numero chiuso, per info e prenotazioni;

Mail: info.liberamente@yahoo.it

Non perderti l’occasione di allenarti con il campione di Lethwei a Brescia

Lethwei Brescia Italia
lethwei brescia italia
palestra brescia

Palestra Popolare Antirazzista

 

la migliore Palestra a Brescia per Sport da Combattimento.

 

 

Competenza, professionalitá e umiltá. Se cerchi una Palestra a Brescia dove allenarti come un vero campione ti aspettiamo.

Quattrocento metri quadrati di spazio, un ring olimpionico sei metri per sei, sacchi ed attrezzature professionali, piú di duecento metri quadrati di tatami, istruttori preparati ed attenti, questa é la migliore Palestra a Brescia dove allenarsi in un clima amichevole e famigliare.

Impara a conoscere te stesso e i tuoi limiti, impegnati per superarli e scopri la differenza tra fiducia in te stesso ed ego.Ti aspettiamo in Palestra a Brescia per vedere con i tuoi occhi e provare senza impegno il corso che preferisci, oppure per parlare direttamente con gli istruttori.

Un campione non é altro che un sognatore che non ha mai mollato.

Respect No Ego

Articoli Recenti

11 Anni di Palestra Popolare

11 Anni di Palestra Popolare

Sabato 27 Aprile dalle 16:00 alla Palestra Popolare Antirazzista 11 anni sono passati da quell'aprile del 2013 quando sognavamo di avere uno spazio dove poterci allenare e condividere sport, cultura...

leggi tutto
Palestra Popolare Antirazzista Stagione 2019/20

Palestra Popolare Antirazzista Stagione 2019/20

Palestra Popolare Antirazzista

Stagione Sportiva 2019/20

Corsi di Muay Thai, Kick Boxing, Boxe, Krav Maga, Capoeira, Karate, Wing Chun, Yoga, Pilates a Brescia

(Clicca qui per vedere gli orari di tutti i corsi alla Palestra Popolare)

Riparte la stagione sportiva alla Palestra Popolare Antirazzista, dal 2013, un punto di rfierimento per gli sport da combattimento a Brescia e Provincia. La migliore palestra dove allenare corpo, mente e spirito.

Da noi nessuno è straniero – Respect No Ego.

Muay Thai Brescia

Palestra Popolare Antirazzista

Corsi di Muay Thai, Kick Boxing, Boxe, Krav Maga, Capoeira, Yoga a Brescia

palestra brescia

Palestra Popolare Antirazzista

 

la migliore Palestra a Brescia per Sport da Combattimento.

 

 

Competenza, professionalitá e umiltá. Se cerchi una Palestra a Brescia dove allenarti come un vero campione ti aspettiamo.

Quattrocento metri quadrati di spazio, un ring olimpionico sei metri per sei, sacchi ed attrezzature professionali, piú di duecento metri quadrati di tatami, istruttori preparati ed attenti, questa é la migliore Palestra a Brescia dove allenarsi in un clima amichevole e famigliare.

Impara a conoscere te stesso e i tuoi limiti, impegnati per superarli e scopri la differenza tra fiducia in te stesso ed ego.Ti aspettiamo in Palestra a Brescia per vedere con i tuoi occhi e provare senza impegno il corso che preferisci, oppure per parlare direttamente con gli istruttori.

Un campione non é altro che un sognatore che non ha mai mollato.

Respect No Ego

La Muay Thai

 

La Muay Thai é nota anche come thai boxe, boxe thailandese o pugilato thailandese.

É un’arte marziale e sport da combattimento a contatto pieno che ha le sue origini nella Mae Mai Muay Thai (Muay Boran), antica tecnica di lotta thailandese. Esso utilizza una vasta gamma di colpi con piedi, ginocchia, pungi, gomiti e di tecniche di clinch.

La Scienza degli otto arti

La disciplina è nota come “l’arte delle otto armi” o “la scienza degli otto arti”. Consente ai due contendenti che si sfidano di utilizzare combinazioni di pugni, calci, gomitate e ginocchiate.

Quindi otto parti del corpo utilizzate come punti di contatto rispetto ai due del pugilato, oppure ai quattro della kick boxing, con un’intensa preparazione atletica e mentale che fa la differenza negli scontri a contatto pieno.

La muay thai originale divenne popolare nel XVI secolo in patria, ma si diffuse internazionalmente solo nel XX secolo, dopo alcune modifiche regolamentari e quando diversi pugili thailandesi si confrontarono con successo con i rappresentanti di varie arti marziali.

Muay Thai Brescia e provincia
Muay Thai Brescia e provincia

Nai Khanomthom

Si narra che durante la guerra fra il regno del Siam e la Birmania del 1767, la capitale Ayutthaya venne distrutta dagli invasori birmani.

Coloro che non riuscirono a scappare furono fatti prigionieri e deportati come schiavi. Il re birmano Hsinbyushin organizzò dei tornei per celebrare la vittoria.

Fece combattere i suoi migliori guerrieri contro i guerrieri siamesi che aveva fatto prigionieri, utilizzati come gladiatori.

Il Re rimase affascinato

Durante questi incontri, il re rimase affascinato dai combattimenti di uno dei prigionieri, il cui stile assomigliava in parte a quello dei migliori guerrieri birmani che praticavano il Parma (arte che prediligeva colpi di braccia in quanto l’abito che indossavano impediva movimenti molto vistosi delle gambe).

Ammaliato dalla Pahuyuth e dallo stile di questo guerriero misterioso, il sovrano diede ordine che affrontasse i dieci migliori guerrieri birmani.

Il lottatore siamese riuscì a vincere tutti i dieci avversari (che fu costretto ad affrontare) con colpi potenti, veloci e precisi ed il re, stupito dall’impresa, concesse la libertà a lui e ad altri prigionieri catturati ad Ayutthaya.

La Leggenda

Nacque in tal modo una delle più famose leggende del popolo thailandese: quella di Nai Khanom Thom.

Da allora, la figura di questo eroe viene vista come anima ed essenza della muay thai, pronto al sacrificio anteponendo ai propri interessi l’onore, l’amore per la patria, la propria religione, il proprio maestro e la propria scuola.

Il 17 marzo è il giorno in cui viene celebrata la festa di Nai Khanom Thom.

Etimologia

La parola Muay, che significa “combattimento”, “pugilato” o anche “lotta”, deriva dal sanscrito Mavya che significa “unire insieme”.

La parola Thai è invece un aggettivo di origine nazionale, il cui significato originale è “popolo libero” (in maniera analoga al significato del nome dei franchi).

Il termine Muay Thai è quindi traducibile con “combattimento dei thailandesi”. In inglese il nome viene spesso tradotto con “thai boxing”.

A volte questo genera confusione perché si pensa che esista una differenza fra la muay thai e la thai boxe, con quest’ultima che sarebbe una variante regolamentare occidentale. In realtà i due termini sono sinonimi ed indicano la stessa disciplina.

Un praticante di muay thai è conosciuto come Nak Muay. I praticanti occidentali sono a volte chiamati Nak Muay Farang, che significa “pugile straniero”

Muay Thai Brescia e provincia
Muay Thai Brescia e provincia

Storia della Muay Thai

La Muay thai ha origine nell’antico Regno del Siam (attuale Thailandia) e, come per il resto delle altre arti marziali, le sue origini si perdono nel più remoto e misterioso passato fatto di guerre e razzie.

L’invasione con cui i birmani posero fine al Regno di Ayutthaya, radendo al suolo la capitale omonima, provocò la distruzione di gran parte degli archivi storici e culturali. Le notizie sull’antico Siam si basano sui pochi scritti salvati dalla distruzione e sulle cronache dei regni confinanti, e non si possono quindi considerare pienamente attendibili.

Diverse Teorie

Sulla controversa storia del popolo thai e la misteriosa nascita della muay thai esistono due teorie. La prima sostiene che il popolo degli Ao-Lai fu costretto a difendersi dai continui attacchi dei predoni e dei popoli nei territori che attraversarono durante il periodo migratorio (tibetani, cinesi, khmer, birmani e altri).

La seconda afferma che il popolo degli Ao-Lai era già presente in quei territori e che doveva difendersi dalle invasioni dei popoli confinanti.Prendendo in considerazione la prima teoria, si narra che tutto abbia avuto origine attorno al I secolo dalla tribù degli Ao-Lai.

La migrazione

Intorno all’anno 200 a.C. migrarono dal nord dell’India fino alla valle del Mekong per poi raggiungere quello che sarebbe diventato il Regno del Siam, passando attraverso il Tibet orientale, a sud delle ricche vallate dell’odierno Yunnan, nella Cina di sud-ovest.

Da li si spostarono in tutte le direzioni arrivando fino ai confini dell’impero per poi puntare di nuovo verso sud.

A questo punto il popolo degli Ao-Lai si divise in tre gruppi:

  • Gli shan, che si stanziarono nel nord-est dell’odierna Birmania
  • Gli Ahom, che si diressero ad est fino al Vietnam
  • Gli Ao-Lai che mantennero il nome e si diressero verso la terra che sarebbe diventata la loro patria, il “Regno del Siam”

Gli Stili

A scopi difensivi gli Ao-Lai crearono uno stile di lotta che prevedeva l’uso delle armi e il combattimento corpo a corpo chiamato Krabi Krabong. Intorno al 1700 i due differenti stili di combattimento si scissero e divennero;

  • Krabi Krabong, lo stile che prevedeva l’uso delle armi (spada, lancia, giavellotto, pugnale, bastone).
  • Muay thai, lo stile di combattimento corpo a corpo che prevedeva l’uso delle braccia (gomiti, avambracci), delle mani (dita e nocche), delle gambe (tibia e ginocchia), della testa e dei piedi (pianta dorso e talloni).

La storia di quest’antica arte marziale va di pari passo con la storia della nazione e di conseguenza anche la muay thai nel corso degli anni ha subito notevoli cambiamenti, fino a raggiungere la forma odierna.

La Boxe

Il pugilato, o Boxe è uno dei più antichi e noti sport da combattimento.

A livello competitivo esso si svolge all’interno di uno spazio quadrato chiamato ring. I due atleti si affrontano colpendosi con i pugni chiusi allo scopo di indebolire e atterrare l’avversario per una determinata durata di tempo.

Gli esseri umani fin dall’alba della storia hanno praticato l’arte del combattimento con le mani. Le prime evidenze storiche di incontri di pugilato sportivi sono state rintracciate nel Vicino Oriente e risalenti al III e al II millennio a.C.

La documentazione più antica di un vero e proprio regolamento di pugilato è risalente all’Antica Grecia, nell’ambito della quale il pugilato venne praticato durante i giochi olimpici del 688 a.C.

Il pugilato si è successivamente evoluto tra il XVI e il XVIII secolo d.C., soprattutto in Gran Bretagna, con l’emergere di incontri di pugilato che mettevano in palio una posta in denaro. Fino ad arrivare alla metà del XIX secolo, quando nel 1867 vennero introdotte le regole del Marchese di Queensberry.

Stili del pugilato olimpico

Il pugilato olimpico è il pugilato dilettantistico, ove i pugili si confrontano divisi in squadre organizzate dalle rispettive nazioni di appartenenza.

La Boxe a Cuba

Lo stile cubano è influenzato dalla cultura popolare del ritmo e della musica. I pugili cubani si distinguono per la coordinazione ritmica e per tecnica e tattica stilose.
La loro evoluzione pugilistica ha saputo reinterpretare la forza ed il modo di colpire europeo, con il gioco di gambe statunitense. Mentre il modo di allenarsi riprende quello degli atleti della russia sovietica.

La Boxe in Europa

Gli stili europei di pugilato erano in passato assai diversificati fra loro, ma dopo la Seconda guerra mondiale si è verificata un’amalgamazione.
Ultimamente si è affermato un modo di crescere il pugile mirato sulle sue caratteristiche personali. Generalmente i pugili europei prediligono eseguire una serie di colpi brevi e dinamici, con un buon gioco di gambe, e combinazioni in partenza dopo un’azione difensiva.
Inoltre secondo la FPI: Attualmente, nel pugilato di stile olimpico è raro vedere difese a carico delle braccia, soprattutto le deviazioni che sono letteralmente sparite. La tendenza è quella di utilizzare difesa e colpo in coincidenza temporale con un adeguato pressing.

La Boxe in Russia

Lo stile russo, che deriva da quello sovietico, ha mantenuto molte delle sue caratteristiche originarie, come il modo di colpire deciso e mirato al bersaglio.
Attualmente ci si è allontanati dalla potenza per focalizzarsi maggiormente nei movimenti attivi e aggressivi. Lo stile russo è ben radicato in patria ed influenza altresì le nazioni vicine.
La preparazione tecnica di base è molto considerata, ma sempre focalizzandosi sulle abilità fisiche e fisiologiche del pugile particolare. Ai più alti livelli gli atleti si allenano nel cambio-guardia, nei diversi modi di colpire, di muoversi e di difendersi.
I pugili spostano la distribuzione del peso sui piedi secondo la tattica e la situazione.
Usano la mano guida per le finte od altri attacchi preparatorii, mentre l’attacco principale a seguire sarà un forte colpo con la mano dietro, oppure una serie di diretti sinistri.

La Boxe negli Stati Uniti

Lo stile statunitense riflette il retroterra culturale ed etnico, gli insegnamenti, le filosofie e gli stili di un vasto ventaglio di allenatori americani.
Ad ogni modo, l’elemento più caratterizzante è l’elevato livello di atletismo dei pugili statunitensi. Caratteristica che permette lor di avere molte energie da spendere, e per molto a lungo.
Velocità, potenza, forza, rapidità, agilità sono caratteristiche salienti nei programmi di allenamento di boxe statunitense.
Un altro fattore determinante sono l’elevato numero di competizioni domestiche, come ad esempio: Silver Gloves, Golden Gloves, National Police Athletic League, Armed Forces, Junior Olympic Programs.
Queste competizioni permettono ai giovani di potere crescere, pugilisticamente, sin da tenera età.

La Kick Boxing

Kick Boxing / k1 Brescia

Le origini della Kick Boxing

La Kick Boxing è uno sport da combattimento di origine giapponese.Diffusosi poi in USA, che combina le tecniche di calcio tipiche delle arti marziali orientali ai colpi di pugno propri del pugilato.

La kickboxing è nata in Giappone negli anni sessanta. In quel periodo le uniche forme di combattimento a contatto pieno erano il full contact karate, la muay thai thailandese, il Sambo russo, la savate francese, il taekwondo coreano, il karate contact ed il sanda cinese.

I giapponesi iniziarono a organizzare gare di karate a contatto pieno (karate full contact). Questo genere di combattimenti stava acquisendo interesse sempre maggiore.

Finché negli anni ’70 alcuni maestri di arti marziali provarono a sperimentare una nuova formula unendo le tecniche di pugno del pugilato alle tecniche di calcio del karate. E nacque così il Full Contact Karate.

Tuttavia vi fu una certa confusione dei nomi e degli stili, anche in virtù del fatto che nel Full Contact Karate si colpisce con i calci, dal busto in su. Mentre nella kickboxing giapponese si potevano dare calci anche alle gambe.

 

La Kick Boxing negli Stati Uniti

A cavallo tra gli anni ottanta e gli anni novanta con il termine kickboxing spopolò negli Stati Uniti una forma di full contact karate dove gli atleti vestivano dei lunghi e larghi pantaloni e delle apposite scarpe.

Ed inizialmente era vietato colpire con calci portati sotto la cintura. Tra i più importanti enti ed organizzazioni vi erano WKA ed ISKA.

Il  “K-1”

Successivamente, sempre in Giappone, nel 1993, venne organizzato un torneo chiamato K-1. La “K” sta per Karate, Kempo e Kickboxing.

In questo torneo le regole sono quelle della kickboxing, ma sono valide anche le ginocchiate senza presa e i pugni saltati e girati.

Lo scopo era mettere sullo stesso quadrato (ring) atleti di diverse arti marziali e sport da combattimento con un regolamento sportivo che permetteva loro di confrontarsi.

Visti i capitali elevatissimi e l’entusiasmo enorme dei giapponesi, in questi avvenimenti, il K-1  divenne il più importante torneo al mondo.

Il termine “K-1” ha assunto attualmente l’accezione di uno sport da combattimento a sé stante, benché vi partecipino atleti provenienti dalla muay thai, dalla kickboxing o da altri sport simili. Il regolamento del torneo è chiamato K-1 Style.

Lethwei Brescia: Primo Stage con Dave Leduc

Lethwei Brescia: Primo Stage con Dave Leduc

Lethwei Brescia

Primo Stage con Dave Leduc

The King of Lethwei

Sabato 27 Ottobre 2018, dalle ore 14:30 alla Palestra Popolare Antirazzista a Brescia, in via Francesco Nullo 12, per la prima volta in Italia, Dave Leduc, The King of Lethwei, 4 volte campione del mondo, una delle più cruenti arti marziali mai viste, il Pugilato Birmano, The Art of Nine Limbs, senza guanti e senza punteggio, unico modo di vincere, il KO.
Stage a numero chiuso (massimo 40/45 partecipanti), tre ore per scoprire ed approfondire le tecniche di questa micidiale disciplina, con un vero campione, prima di tutto di umiltà.
Il costo dello stage sarà di 40€, prenotazione obbligatoria, potete scriverci in privato e riceverete tutti i dettagli per effettuare il pagamento e garantirvi un posto per questo imperdibile appuntamento.

Qua sotto potete trovare i video di alcuni momenti dello Stage di Lethwei a Brescia alla Palestra Popolare.

lethwei brescia italia
Lethwei brescia Italia
palestra brescia

Palestra Popolare Antirazzista

 

la migliore Palestra a Brescia per Sport da Combattimento.

 

 

Competenza, professionalitá e umiltá. Se cerchi una Palestra a Brescia dove allenarti come un vero campione ti aspettiamo.

Quattrocento metri quadrati di spazio, un ring olimpionico sei metri per sei, sacchi ed attrezzature professionali, piú di duecento metri quadrati di tatami, istruttori preparati ed attenti, questa é la migliore Palestra a Brescia dove allenarsi in un clima amichevole e famigliare.

Impara a conoscere te stesso e i tuoi limiti, impegnati per superarli e scopri la differenza tra fiducia in te stesso ed ego.Ti aspettiamo in Palestra a Brescia per vedere con i tuoi occhi e provare senza impegno il corso che preferisci, oppure per parlare direttamente con gli istruttori.

Un campione non é altro che un sognatore che non ha mai mollato.

Respect No Ego

Articoli Recenti

11 Anni di Palestra Popolare

11 Anni di Palestra Popolare

Sabato 27 Aprile dalle 16:00 alla Palestra Popolare Antirazzista 11 anni sono passati da quell'aprile del 2013 quando sognavamo di avere uno spazio dove poterci allenare e condividere sport, cultura...

leggi tutto
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Instagram
YouTube
YouTube